JOE ALPER


JOE ALPER

JOE ALPER (1925-1968)

Le immagini scattate da Joe Alper ai più grandi artisti di folk, jazz e blues sono state pubblicate su numerose copertine di dischi, riviste e libri. I musicisti apprezzavano la sua capacità di non bloccare la visuale del pubblico con la sua imponente statura (1 metro e 90!), oppure di saper scattare a tempo con la musica, o anche di evitare di fotografare nelle pause più delicate di una performance (le Minolta 35mm che Joe amava e usava erano piuttosto rumorose all’epoca). 

Le immagini in bianco e nero realizzate esclusivamente in luce ambiente, l’intimità di molte fotografie dovuta alla venerazione di Alper per gli artisti e per la loro arte, catturata in momenti di intensa emozione e copioso sudore, la 
sua tecnica in camera oscura e l’uso di formati di stampa anticonvenzionali: tutto conferma la grandezza di Alper come artista fotografo. Se possedete dei dischi di folk, jazz o blues degli anni Sessanta, è probabile che abbiate già una testimonianza del suo lavoro. 

La sua carriera si è conclusa prematuramente con la sua scomparsa a soli 43 anni, dopo aver appena fondato un dipartimento di fotografia alla SUNY, l’università di Albany. Ha anche insegnato fotografia alla Nova Gallery di Saratoga Springs, alla YWCA di Schenectady, all’Union College, ed è stato art lecturer e consulente alla State University di Albany. Nel 1962 ha anche vinto l’International Jazz Photo Competition in Polonia. 

Ha realizzato un’infinità di copertine di dischi per etichette prestigiose come Impulse!Vanguard, Mercury, Riverside, RCA-Victor e ABC-Paramount. Sue foto sono apparse su riviste come “Down Beat”, “Cavalier”“Cash Box”, “Jazz Magazine”, “US Camera”“New York Times” e “National Observer”.  In soli dieci anni, tra il 1958 e il 1968, Al-per ha scattato 80.000 immagini, di cui circa 30.000 dedicate ai maggiori artisti folk  e jazz del suo tempo. Una parte altrettanto importante del suo lavoro l’ha dedicata al movimento per i diritti civili, che documentò in qualità di membro attivo e collaborando strettamente con gli SNCC Freedom Singers.  Molte di quelle immagini compaiono nel libro e nel film Eyes on the Prize

Latest additions to our collection
Popular photos and artists

news

''WALL OF SOUND 10'' DI GUIDO HARARI A TORINO DAL 26 OTTOBRE. 12/10/2017

''WALL OF SOUND 10'' DI GUIDO HARARI A TORINO DAL 26 OTTOBRE.

Dopo il successo riscosso alla Fondazione Bottari Lattes di Monforte d'Alba l'estate passata, dal 26 ottobre al 24 dicembre< ...

leggi
''STONE FREE'' PER I 50 ANNI DELLA ''SUMMER OF LOVE''. 18/06/2017

''STONE FREE'' PER I 50 ANNI DELLA ''SUMMER OF LOVE''.

Siamo lieti di ricordare lo spirito della “Summer of Love” in occasione del suo 50° anniversario, presen ...

leggi
20 ANNI DALLA SCOMPARSA DI JEFF BUCKLEY! 29/05/2017

20 ANNI DALLA SCOMPARSA DI JEFF BUCKLEY!

Difficile credere che siano trascorsi 20 anni dalla prematura scomparsa di Jeff Buckley. ...

leggi

With a little help from our friends: