MASAYOSHI SUKITA


MASAYOSHI SUKITA

Nato il 5 maggio 1938 a Nogata Shi, nel distretto di Fukuoka, in Giappone, Masayoshi Sukita riceve in regalo dalla madre la sua prima macchina fotografi ca, una Rolleifl ex, e le fa un ritratto. È questa, a detta sua, la sua foto più importante. Si iscrive ad una scuola di fotografi a di Osaka, ma, infi ammato dalla passione per la musica jazz e il rock’n’roll, trova la miglior educazione visiva nei fi lm di Marlon Brando, James Dean ed Elvis Presley, che il giovane Sukita corre a vedere nei cinema di Nagasaki. Quando esplode la Nouvelle Vague francese, lo sguardo di Sukita si riempie delle immagini di registi come Alain Resnais, mentre sul fronte della fotografi a lo colpiscono Dennis Stock (che ha immortalato, tra gli altri, proprio James Dean) e i pionieri dell’agenzia Magnum. Comincia quindi a lavorare come assistente del noto fotografo Shisui Tanahashi.

Nel 1961 entra a far parte della divisione fotografi ca della Daiko Advertising Inc. di Osaka, mentre nel 1965 si trasferisce a Tokyo dove per la Delta Monde fotografa moda e realizza fi lmati pubblicitari per la tv. Nel 1970 diventa freelance. Subito dopo comincia a viaggiare e visita più volte New York, attratto dalla sottocultura che ruota attorno a Andy Warhol. Qui vede Jimi Hendrix in concerto pochi mesi prima della sua morte. Ma è Londra a cambiare il destino di Sukita quando nel 1972 conosce e fotografa Marc Bolan dei T.Rex. Un concerto di David Bowie alla Royal Festival Hall ha un impatto decisivo sul fotografo giapponese, che in meno di una settimana trova un contatto col management dell’artista. Col benestare del suo fotografo personale Mick Rock, Sukita ha fi nalmente accesso a Ziggy/Bowie. È l’avvio di una collaborazione che durerà oltre 40 anni e produrrà diverse copertine di dischi, da Heroes a Tin Machine e The Next Day, oltre a diversi libri.

Nel 2009 alcune opere di Sukita sono incluse nella mostra “Who Shot Rock & Roll” al Brooklyn Museum. Nel 2010 pubblica il libro fotografi co “Yellow Magic Orchestra by Sukita”, seguito nel 2012 da “Bowie by Sukita. Speed of Life” per Genesis Publications, che copre l’intero arco della sua collaborazione con Bowie. Tra gli altri suoi libri ricordiamo: “A Film by Jim Jarmusch: Mystery Train” (1989), “David Bowie ‘KI’ by Masayoshi Sukita” (1992) e “T.Rex 1972 by Sukita” (2007). Ha esposto alla Creation Gallery G8, The Guardian Garden (2006), Tokyo Metropolitan Museum of Photography, Shibuya Parco Museum, Paul Smith Space Gallery (2012), SNAP Galleries a Londra, Inter Media Station IMS a Fukuoka (2013), Bigstep a Osaka (2014).

Sukita è tutt’ora attivo nell’ambito della fotografi a pubblicitaria, della musica e del cinema.

Gallerie di MASAYOSHI SUKITA (1)

Latest additions to our collection
Popular photos and artists

news

''WALL OF SOUND 10'' DI GUIDO HARARI A TORINO DAL 26 OTTOBRE. 12/10/2017

''WALL OF SOUND 10'' DI GUIDO HARARI A TORINO DAL 26 OTTOBRE.

Dopo il successo riscosso alla Fondazione Bottari Lattes di Monforte d'Alba l'estate passata, dal 26 ottobre al 24 dicembre< ...

leggi
''STONE FREE'' PER I 50 ANNI DELLA ''SUMMER OF LOVE''. 18/06/2017

''STONE FREE'' PER I 50 ANNI DELLA ''SUMMER OF LOVE''.

Siamo lieti di ricordare lo spirito della “Summer of Love” in occasione del suo 50° anniversario, presen ...

leggi
20 ANNI DALLA SCOMPARSA DI JEFF BUCKLEY! 29/05/2017

20 ANNI DALLA SCOMPARSA DI JEFF BUCKLEY!

Difficile credere che siano trascorsi 20 anni dalla prematura scomparsa di Jeff Buckley. ...

leggi

With a little help from our friends: