MIA MARTINI. L'ULTIMA OCCASIONE PER VIVERE



MIA MARTINI. L'ULTIMA OCCASIONE PER VIVERE

quando 9 maggio > 14 giugno 2015
dove Wall Of Sound Gallery

Nel ventennale della scomparsa di Mia Martini, siamo felici di presentare per la prima volta una selezione delle immagini più significative della sua carriera, firmate dai fotografi che più da vicino l'hanno seguita; immagini che in molti casi sono apparse sulle copertine dei suoi dischi più importanti.

Autore raffinato e completo, Mauro Balletti è un nome notissimo a tutti gli appassionati di musica soprattutto per avere creato per oltre trent’anni l’immagine di Mina sulle copertine dei suoi dischi. Mimmo Dabbrescia ha documentato in modo capillare non solo il mondo della canzone tra gli anni Sessanta e Settanta da De André a Mina, ma anche quello dell’arte al quale si è poi dedicato per lungo tempo con la sua galleria Prospettive d’Arte a Milano. Guido Harari da sempre racconta il mondo del rock e ha legato il suo nome ad artisti come Lou Reed, Peter Gabriel, Bob Dylan, Fabrizio De André, Giorgio Gaber e Vasco, realizzando anche libri e mostre di successo. Cesare Monti è stato, soprattutto negli anni Settanta, l’occhio della musica italiana. Sperimentatore, poeta, videoartista, ha firmato un’infinità di copertine di dischi storici, spesso in tandem con la moglie Vanda Spinello, per Lucio Battisti, Pino Daniele, Fabrizio De André, PFM, Edoardo Bennato e molti altri. Completano la mostra una serie di splendide immagini, mai esposte prima, di una giovanissima Mimì Berté colta tra infanzia e adolescenza, già in corsa verso il mito. Sono tratte dall’Archivio Mia Martini messo a disposizione dal padre di Mimì, Giuseppe Berté.  

Questa mostra, come d’altronde il libro da cui è tratta (curato da Menico Caroli e Guido Harari, edito da TEA), non poteva che chiamarsi L’ultima occasione per vivere. Per Mimì non c’era differenza tra palcoscenico e vita vera. Quando si sentiva imbrigliata, svenduta, tradita, dava fuoco a tutto, senza chiedere permesso, senza pretendere nulla. Ballava la vita con la morte nel cuore quando, nel ’95, un altro brusco cambiamento di rotta, di quelli a cui ci aveva da sempre abituati, ha spento la sua luce. Noi intendiamo riaccenderla insieme ai suoi amici fotografi e al padre Giuseppe. Con gioia e con rispetto. Con gratitudine. L’opening del 9 maggio sarà dunque un’opportunità davvero unica di incontrarli e di condividere ricordi e passioni. 

Per la durata della mostra tutte le fotografie esposte saranno disponibili in edizioni numerate e firmate in offerta superspeciale, compresa un’immagine di ciascun fotografo non inclusa nella mostra e stampata in formato 18x24cm in edizione firmata di soli 10 esemplari.

Guido Harari, Wall Of Sound Gallery.

La mostra sarà visitabile dal martedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00; sabato e domenica dalle 15.30 alle 19.00. Si consiglia di chiamare sempre prima allo 0173362324 per verificare eventuali variazioni di orario.

Latest additions to our collection
Popular photos and artists

news

''WALL OF SOUND 10'' DI GUIDO HARARI A TORINO DAL 26 OTTOBRE. 12/10/2017

''WALL OF SOUND 10'' DI GUIDO HARARI A TORINO DAL 26 OTTOBRE.

Dopo il successo riscosso alla Fondazione Bottari Lattes di Monforte d'Alba l'estate passata, dal 26 ottobre al 24 dicembre< ...

leggi
''STONE FREE'' PER I 50 ANNI DELLA ''SUMMER OF LOVE''. 18/06/2017

''STONE FREE'' PER I 50 ANNI DELLA ''SUMMER OF LOVE''.

Siamo lieti di ricordare lo spirito della “Summer of Love” in occasione del suo 50° anniversario, presen ...

leggi
20 ANNI DALLA SCOMPARSA DI JEFF BUCKLEY! 29/05/2017

20 ANNI DALLA SCOMPARSA DI JEFF BUCKLEY!

Difficile credere che siano trascorsi 20 anni dalla prematura scomparsa di Jeff Buckley. ...

leggi

With a little help from our friends: